• Narrow screen resolution
  • Wide screen resolution
  • Wide screen resolution
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Sei qui: Home Parchi territoriali attrezzati
Presentazione parchi territoriali attrezzati PDF Stampa E-mail

La legge 394/91 istituisce l'Elenco ufficiale delle aree protette con un provvedimento formale di tutela che rispondono ai criteri stabiliti dal Comitato nazionale per le aree protette. Con la voce altre aree naturali protette sono state raccolte nell’elenco i parchi suburbani (Lazio), i monumenti naturali (Sardegna e Lombardia), i giardini botanici (Liguria), le aree attrezzate (Piemonte), i parchi comunali (Puglia), i biotopi (Provincia autonoma di Trento), le aree naturali protette di interesse locale (Toscana), i parchi territoriali attrezzati (Abruzzo), le oasi delle associazioni e le aree che non rientrano in altre tipologie. In Abruzzo è definito Parco territoriale attrezzato un territorio, con notevoli caratteristiche naturali ed ambientali, atto a soddisfare le esigenze di spazio ricreativo, in cui sono ammesse attrezzature per l'impiego sociale del tempo libero nel rispetto del patrimonio naturalistico. L’individuazione del Parco territoriale attrezzato con le dimensioni, la localizzazione e la dotazione finanziaria per ogni singola area, è di competenza regionale, sentiti gli Enti locali interessati e le Associazioni naturalistiche, attraverso un ampio processo di partecipazione. La gestione dei Parchi territoriali, demandata per legge alle Comunità Montane, o in forma associata nei modi previsti dalle singole leggi istitutive, nei 5 parchi territoriali abruzzesi è affidata direttamente ai comuni. Il sistema delle aree naturali protette regionali è rappresentato principalmente da un’ampia porzione del territorio delle aree montane, costituito dai Parchi Nazionali e Regionali. I Parchi territoriali attrezzati sono piccole aree che si sviluppano soprattutto lungo i corsi dei fiumi. Con il recepimento 394 del 1991 la legge regionale n. 38 del 1996 stabiliva che entro un anno la Regione, su parere del Comitato Tecnico Scientifico (abolito successivamente con un altro provvedimento) provvede alla classificazione delle Aree Protette esistenti d'interesse regionale e provinciale e le riorganizza sulla base della presente normativa. I Parchi Territoriali Attrezzati istituiti ai sensi della L.R. 61/80 saranno classificati come Riserve Naturali d'interesse Provinciale. Le Riserve Naturali sono istituite e classificate, sentito il Comitato tecnico scientifico, in Riserve Naturali o d'interesse Provinciale. Il Controllo ed il Coordinamento della gestione delle Riserve Naturali d'interesse Provinciale, sono affidate alle Province competenti per il territorio in attuazione dell'art. 14 della Legge 142. Tuttavia l’articolo 26 (Norma transitoria), sancisce che le leggi regionali istitutive dei Parchi Territoriali Attrezzati, ferma restando la loro istituzione, continuano a produrre i loro effetti sino all'attuazione dei loro piani particolareggiati nella loro prima redazione e approvazione. L’articolo 25 della legge regionale 38/96 prevede inoltre la possibilità di istituire anche in Abruzzo i monumenti naturali: “elementi di limitata estensione, aventi interesse paesistico o naturalistico, esemplari vetusti di piante, formazioni geologiche importanti e simili, possono essere classificati "Monumenti naturali" e sottoposti a vincolo diretto alla loro conservazione ed alla loro tutela. Per la conservazione, integrità e sicurezza degli oggetti sottoposti a vincolo si applicano le norme previste dai piani paesistici o apposite norme specifiche da adottare in sede di decreto”. Nell’elenco dei Parchi Territoriali Attrezzati istituiti dalla Regione Abruzzo figurano oggi 5 aree protette. Dei sette piccoli parchi, due non sono più inseriti nell’elenco regionale (il Parco del Fiume Vera passato con legge a Riserva Naturale e l’Orto Botanico di Città S. Angelo completamente abolito). I Parchi territoriali attrezzati sono:

1) Il Parco dell'Annunziata, il primo in Abruzzo. Si sviluppa in una fascia di 4 chilometri, larga mediamente 500 metri E' localizzato a meno di 1 chilometro dal centro abitato di Orsogna, in provincia di Chieti.

2) Vicoli, il parco, istituito nel 1990, è attraversato da un’antica mulattiera che scende verso il fiume Nora alla quale si accede dalla strada che proviene dal borgo antico di Vicoli in provincia di Pescara.

3) Istituito nel 1990 il Parco Territoriale Attrezzato “Fiume Fiumetto” è esteso per 74 ettari e occupa circa 4 km del fiume Fiumetto a partire dal torrente Sazza alla confluenza col Fosso S.Paolo, nel teramano.

4) Il parco Fiume Vomano istituito nel 1995, si trova sulla “porta” di accesso al Parco Nazionale del Gran sasso e Monti della Laga. Tutela l’ambiente fluviale che interessa il tratto medio del Vomano, tra i 250 e i 400 m, a nord di Montorio (TE).

5) Il parco territoriale del Lavino è situato tra la Majella e il Morrone in un'area di 40 ettari. E' stato istituto nel 1987 e tutela alcune sorgenti sulfuree presso la riva del Lavino che formano dei laghetti color turchese per la concentrazione di solfati.

 

Ultimo aggiornamento Venerdì 04 Giugno 2010 09:29
 
bandiere_lingue.png

logo_regione 

logo_federparchi

Login utente